Blame it all upon a rush of blood to the head

Mi chiedo quando la smetterò di dare la colpa di ogni vaccata che faccio al mio essere emotivamente instabile. Di scappare dalle responsabilità. Di sentirmi giustificata nel fare male agli altri, e a me stessa soprattutto.

Mi chiedo quando inizierò finalmente a crescere.

E no, vent’anni non è troppo presto per crescere. C’è chi è dovuto crescere perfino molto prima, mentre io me la prendo comoda, e di questo passo non cambierò mai. Non ditemi che c’è tempo, non ditemi che ho tutta la vita davanti, perché sono parole senza alcun senso, perché chi lo decide quando è ora di maturare?, come funziona?, una mattina ti svegli e dici Ho trent’anni, da oggi cresco, oppure bisogna aspettare i quaranta, o i cinquanta?, non lo so, so solo che in tutto questo mi sto autodistruggendo.

And I blame it all upon a rush of blood to the head.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

55 risposte a Blame it all upon a rush of blood to the head

  1. zeusstamina ha detto:

    Sfortunatamente non so dirti quando cresci, succede e basta. Prima dipendevi completamente da qualcuno, dopo ti prendi le responsabilità delle tue azioni. Non c’è momento preciso e nessuno te lo insegna (al massimo ti danno dei consigli). Sempre e comunque si cresce sbagliando…
    Non ho perle di saggezza stavolta! 🙂

  2. bleachedgirl ha detto:

    Io mi auguro di non diventare mai del tutto adulta, ma manco voglio diventare una rincoglionita con la peter pan syndrome.
    Vorrei restare sempre sempre la quasiadulta quasibambina che sono sempre stata.

    • pilar93 ha detto:

      Anch’io voglio rimanere un po’ bambina, però…nel senso, voglio tenermi i lati belli della bambina. E vorrei essere un pochettino più quasiadulta di come sono.

  3. mylifeisajungle ha detto:

    Succede che, semplicemente, un giorno smetti di domandartelo. E quando poi ci ripensi ti accorgi che forse sei cresciuto per davvero.

  4. lupus.sine.fabula ha detto:

    Beh se non inizi adesso, arriverai a 30 o 40 anni che ti chiederai ancora ‘come fare a crescere?’.
    Ricorda però che crescere è comunque avere l’intelligenza di conservare un parte del ‘fanciullino’ che è in noi.
    E poi a volte la vita ti insegna, proprio quando non te lo aspetti…
    In bocca al lupo.

    • pilar93 ha detto:

      Sì no ma infatti quella parte, la parte del fanciullino, non la voglio perdere mai. Solo vorrei essere capace di prendermi le mie responsabilità, come ormai fanno tutti quelli che per tanto tempo, nella mia adolescenza, ho giudicato immaturi.

  5. Gintoki ha detto:

    Cosa vuol dire crescere?

    Conosco over 30 che possono definirsi cresciuti perché hanno una vita indipendente e poi vanno alle fiere del fumetto travestiti da personaggi dei manga. Se li incontri per strada pensi “questo è uno che è cresciuto”, se li incontri alla fiera del fumetto pensi “o mio dio, ma quando crescerà?”

    È un esempio scemo, ma vale lo stesso per tutti quanti, anche per te, che non ti conosco, ma sarai cresciuta, a mio avviso.

    • pilar93 ha detto:

      Forse in qualcosa. Ma c’è ancora un larghissimo margine. Perché quando parlo di crescere mi riferisco più che altro al sapersi assumere delle responsabilità, anche piccole. Invece io faccio cazzate e poi scappo, nascondendomi dietro a un “non so cosa mi è preso”. Cosa che probabilmente si fa un po’ a tutte le età, ma io lo faccio davvero troppo spesso.

  6. masticone ha detto:

    mai
    non ci riuscirai mai

  7. leparoledinessuno ha detto:

    Si cresce nel momento in cui ti svegli un giorno e senti di essere in pace col mondo e con te stessa.
    Quella è una bella giornata.
    Ed hai messo un mattone in più.
    La vedo così …
    Ciao.

  8. Valentina ha detto:

    Cara, a vent’anni vuoi crescere? Prenditela comoda e non pensarci.
    Non ti alzi un giorno e dici “oggi cresco”. Succede che ti alzi un giorno, provi a farti le stesse domande che ti facevi prima e ti accorgi che le risposte che ti davi sono cambiate, ti accorgi che stai crescendo. Io non mi considero cresciuta, ma mi è successo qualche mese fa proprio questo. E non è una cosa che decidi, succede e basta senza che tu te ne accorga troppo.
    Ma vivitela tranquillamente che nessuno c’insegue.

  9. Cam ha detto:

    Quando sono angosciata ancora abbraccio mia madre e piango come una bambina sulla sua spalla. E di anni ne ho due in più.

    Mi sento vecchia.

  10. Sir Babylon ha detto:

    Io a 26 non so se sono cresciuto cresciuto, se ti può consolare! 😀

  11. ilnonamato ha detto:

    Per me i vent’anni sono passati da un po’, non avevo ancora letto il tuo post e ho scritto che prima o poi si deve crescere. Io non l’ho ancora fato, sinora. Ho sempre avuto l’entusiasmo di un bambino nel cominciare cose nuove e affrontare nuove sfide. Mi accorgo però che in alcune cose ho ancora i lati negativi dei bambini. No so come si fa a crescere, non me lo hanno mai insegnato, forse capita di colpo… Quando ti succede fammelo sapere. E prendila sempre sul ridere, anche quando capiterà, con un sorriso e una risata la vita si affronta meglio. Un saluto.

  12. love2lie ha detto:

    probabilmente qualcuno te l’avrà già scritto in qualche commento sopra ma sono troppo pigro per scorrerli..Chiaramente non c’è un’età giusta per crescere, sta a te. Io ad esempio sono stato costretto a farlo molto prima dello standard dei ragazzi della mia età..e non avevo nessunissima voglia di farlo. Quindi se te non sei ancora del tutto cresciuta, beh un pò ti invidio cazzo (e comunque già il capire di voler crescere è il grande passo in avanti per riuscire a farlo – leggi quest’ultimo inciso di saggezza con tono tipo quello del padre di Simba quando gli appare sottoforma di spirito nel Re Leone )

    • pilar93 ha detto:

      “Ricordati chi sei. Tu sei mio figlio, l’unico vero re.” U_U

      Comunque non invidiarmi, la realtà mi imporrebbe di crescere ma io non mi decido a farlo, quindi non è una buona cosa che io sia così infantile.
      Vorrei chiederti perché sei stato costretto a crescere prima dello standard ma non vorrei toccare un tasto dolente, perciò…nothing. 🙂

      • love2lie ha detto:

        mah una serie di sfortunate coincidenze che vanno da rapporti familiari che definire tesi è eufemistico ad amicizie sbagliate (e di tanto) che ovviamente mi hanno portato a fare scelte stupide quando mi credevo il padrone del mondo. Magari quando trovo un pò di coraggio ne scriverò qualcosa al riguardo. Per ora quello che posso dire con certezza è che a farmi crescere in fretta non sono stati: 1-condanne penali 2-il fatto di essere diventato padre. E non è malaccio

  13. biobioncino ha detto:

    quando troverai la giusta persona… sarà automatico.. ti occuperai di lui e lui di te.. e vissero felici e stabili :lol:) :lol:)

  14. biobioncino ha detto:

    oops appunto :lol:) dicevo :lol:) quando lei si occuperà di te e te di lei :lol:) :lol:)

  15. Mi rispecchio molto nelle tue domande…
    intanto il tempo passa…e crescere è soggettivo…
    E poi, crescere perché?

  16. Michele ha detto:

    si cresce ogni giorno, da sempre, e per fortuna in un certo qual modo non si crescerà mai davvero 😉

  17. Pablo ha detto:

    Crescere?
    E perché?!
    Pablo

  18. Vuc's ha detto:

    Una mattina ti svegli e ti rendi conto che non smetterai mai di crescere, che hai solo voglia di vivere! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...