Instagrammami ‘stocazzo

Vorrei spendere due parole per lamentarmi di quanto mi sento esclusa dal mondo ora che chiunque intorno a me ha un iPhone. Che se si rompe se ne compra un altro, no?, che problema c’è? Che c’è il nuovo aggiornamento di iOS, oh hai visto come si muovono le icone, che bello, no a me non piace, anzi ora me lo faccio disinstallare, sì io conosco un modo. Hai visto cos’ha postato Pinco Pallino su whatsapp?, che sfigato, a me è piaciuto, bello, quindi domani sera si fa quello che abbiamo deciso sul gruppo?, ok, facciamo le macchinate e siamo a posto. Le foto che ha messo Genoveffa su instagram sono fighe, sì ma solo perché ha usato un filtro figo, cioè si vede lontano un chilometro che è supermodificata, vabbè comunque un po’ figa la è.

Io non ne posso più, ok? Sì, è invidia, è frustrazione, lo ammetto, perché io un iPhone e tutte quelle menate lì non me le posso permettere, non so se potrò mai permettermele. C’è gente che ha preso perfino più iPhone nel giro di un paio d’anni, e a me tutto ciò sta sul cazzo, ok? Mi sta sul cazzo il fatto che la loro vita sembri più interessante perché instagrammano ogni minima cosa invece di godersela, e io penso Oddio ma che belle giornate che hanno loro, perché io faccio così schifo? e in realtà poi quando ci sto insieme non capisco quando abbiano tempo di farle tutte quelle belle cose se sono sempre con il cellulare in mano e non fanno altro e non parlano d’altro, e mi sta sul cazzo non sapere mai nulla di cosa succede davvero alle persone che ho vicino perché ormai parlano solo di e su whatsapp, si mettono d’accordo per uscire e io rimango tagliata fuori, a me sta sul cazzo ok? Molto.

E io sono ossessionata da un sacco di cose, tipo dal computer, ma almeno quando esco di casa stacco, invece per loro non c’è mai fine, se non quando si scarica la batteria, che No raga io devo tornare a casa perché ho il 2% di batteria, inspiegabilmente la batteria di quei cosi dura pochissimo, ma in fondo se avessi un iPhone sarei molto peggio di loro, diventerebbe qualcosa di morboso come tutto ciò con cui mi piglio bene, allora non so dire se non averlo sia per me una fortuna o una sfortuna.

Vorrei solo che si parlasse di più. Che quando si sta insieme i cellulari non contassero più, né tutte le app e diavolerie varie. E che il fatto che la tecnologia avanza non impedisse di vedere le cose che ci circondano. Tipo l’altra sera ho alzato gli occhi e c’era una luna stranissima, enorme, sfumata e con intorno un alone color arcobaleno. Era uno spettacolo, l’ho fissata per un po’, temendo di perdermi l’attimo. Nel frattempo i miei amici hanno fatto mille foto, wow, fantastiche, capite?, fantastiche le foto, certo, mica la luna. E ora hanno dovuto cancellarle per installare iOS 7 o checcazzo è, e io invece ce l’ho stampata qui, nella testa, che è insostituibile – anche se con un iPhone si possono fare un sacchissimo di cose.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

77 risposte a Instagrammami ‘stocazzo

  1. nanalsd ha detto:

    Oh boh, per me deve esserci una giusta misura per tutto.
    Tipo che se sei in giro con gli amici, il cellulare rimane là, sommerso nella borsa e FINE.
    Sì, ok, la foto ci scappa, ma non per metterla qui e lì, ma per ricordare un momento scemo o chenesoio.
    Ti parlo da pentita: io quasi due anni fa mi sono comprata un Samsung fighissimo perché m’ero fissata e blablabla, ma ovviamente facendo l’abbonamento dei poveracci con un tot al mese; a tornare indietro di certo non lo rifarei, che insomma spendere tutti quei soldi per un coso che sì, utilissimo, ma alla fine in circolazione ce ne sono mille altri a MOOOLTO meno, insomma.
    E whatsapp è utile, c’è poco da fare.
    Si può mettere su pc, comunque.
    Almeno se avete un gruppo per organizzare le uscite etc, non ti tagliano fuori!

    • pilar93 ha detto:

      Sinceramente finché non trovano la “giusta misura” ne faccio anche a meno di uscire con loro. Tanto devo sorbirmi conversazioni infinite su cose che non so cosa siano, con termini che nemmeno so cosa vogliano dire. Gli amici che devo sentire davvero li sento in altro modo, per fortuna. Ci si vede e si PARLA, senza cellulari di mezzo. Spero che prima o poi la moda passi, e sia sostituita da cose più sane.

      Che poi oddio, io sono la prima che lo farebbe diventare una mania, infatti sotto certi punti di vista sono contenta di essere una pezzente 🙂

      • nanalsd ha detto:

        Il problema è che si andrà solo peggiorando, che sai quante volte succede che si sta tutti allo stesso tavolo e si parla su whatsapp?
        Che per carità..se scappa un pettegolezzo al volo è COMODISSIMO..
        Però in generale, sembra un’uscita di ritardati.

        Comunque, sì! Se sei incline alle manie (ti sento vicina!) evitali finché puoi. Anche se diventerai ricca da far schifo!

  2. Valentina ha detto:

    Io sono contraria all’iPhone perchè onestamente spendere tutti quei soldi per un cellulare mi sembra un insulto alla dignità della gente. Quelli che fanno le code di notte quando escono i nuovi modelli mi fanno solo pena. C’è gente che se li compra a rate rinunciando a cose più importanti, e io non riesco a capirlo.
    Io ho un semplicissimo Nokia Lumia 610, uno dei primi modelli proprio, comprato l’anno scorso, quindi molto dopo l’uscita. Poveretto, non è un iPhone ma si comporta bene. E whatsapp lo uso molto, ma quando sono da sola, mai se sono in compagnia. Cioè, che ci vediamo a fare se poi dobbiamo parlare messaggiando o neanche guardarci in faccia? No, no, quando sono con i miei amici i cellulari sono sempre in borsa o in tasca. Però è utile, ad esempio io il mio ragazzo ce l’ho lontano, risparmio un sacco quando ci voglio messaggiare, oppure anche i gruppi, ad esempio quando dobbiamo uscire, invece di fare duemila telefonate si dice “stasera pizza lì?”, “ok”, stop. Per non parlare dei gruppi quando si deve fare un regalo a qualcuno, là è più comodo ancora.
    Le foto, vabbè, ho il cellulare pieno di foto del mio ragazzo e del mio gatto. Se qualcuno me lo prende può pensare che io sia una stalker.

  3. marcoangels ha detto:

    Che commento a fare?! Hai detto tutto tu, e anche i commenti qui sopra rispecchiano la mia idea. La parola “misura” mi piace.

  4. mrfoxjumper ha detto:

    Ok, ognuno spende i soldi come vuole per carità, ma per me se psendi tutti quei soldi per un Iphone sei un (con tutto il rispetto per tutti voi che ne possediete uno) dei coglioni, e non lo dico per invidia eh, perchè a me non me ne frega nulla, io con un cellulare a 60€ ci fo e m’avanza.
    Solo perchè pagare tutti quei soldi per una cosa che costerebbe molto meno se non ti facesserò pagare tutto il marketing (MARKETING nemmeno la QUALITà ma la pubblicità e il marchio),
    Che poi ci sono cellulari che costano meno e a caratteristiche magari sono superiori, dico magari perchè di cellulari non me ne intendo molto, ma vedendo i Mac come sono immagino che sia la stessa cosa lì (nei mac apple i pezzi dentro sono superati da anni ma costano misteriosamente il triplo…).
    Quindi io dico, non uniformarti e poi voi mette? tu puoi goderti ogni istante della tua vita sensa avere il bisogno di renderlo pubblico o speciale per forza per poi pubblicarlo su qualche social network per cosa? per sentirsi ganzi e fare invidia all’altri? ba,

  5. franciswolves ha detto:

    Una settimana fa mi è stato regalato uno smartphone. Ora la tentazione di scaricare Instagram solo per fotografarmi il culo, mettere un filtro seppia e mettere la foto su Facebook – ti giuro – è molto forte.

  6. pendolante ha detto:

    Samsung note. Preso con l’abbonamento che comprende traffico dati e telefonico. Se non l’avessi scriverei la metà dei post. Spesso scrivo in treno. Ma ho afferrato il concetto

    • pilar93 ha detto:

      Certo, no, ripeto, in tante cose è utile. Però in medio stat virtus, come si dice. Non so se c’entra molto come citazione, però…vabbè, insomma, MODERAZIONE.

  7. r. ha detto:

    Nella testa. E nel cuore. Che cazzo ne sanno loro…

  8. Pipkin ha detto:

    Io al momento il cellulare, quando esco, lo uso solamente per chattare su whatsapp con la mia dolce metà (e già lì mi sento in colpissima a farlo, però…oh, c’est l’amour!). Per il resto concordo perfettamente con te, alcuni non hanno vie di mezzo: anche a me capita di uscire con persone a cui parli e nel mentre sono al cellulare, e parli parli e non ti cagano di striscio. Dopo un po’: “dicevi?”. NIENTE.
    p.s.
    Tralasciamo la parte dei malati di tecnologia, davvero…ma la gente che ad ogni nuovo modello di iphone/galaxy/compagniabella compra quello nuovo? Dove alla fine, rispetto al precedente (che obiettivamente è ancora NUOVO), cambiano due cose in croce del tutto irrilevanti e ti sparano cifre assurde?

    • pilar93 ha detto:

      Sì, quest’ultima cosa è proprio l’apice della follia. Cioè, anche se uno caga i soldi, cavoli, ci sono tante altre cose belle per cui spenderli.

      No comunque capisco c’est l’amour e tutto il resto, ci sta, ovviamente 🙂 L’importante è che appunto non sia una malattia.

  9. firesidechats21 ha detto:

    Era tanto bello il vecchio indimenticato Nokia 3310! 😦

    (Comunque “Instagrammami ‘stocazzo” è bellissimo.)

  10. Sir Babylon ha detto:

    Niente smartphones sul mio versante! 😀 La mia droga è la Playstation.

  11. love2lie ha detto:

    Dai, diciamo che la verità sta nel mezzo come sempre..L’eccesso di i-phonnamento è ridicola e lo trovo fastidioso anch’io.però non si può negare che anche senza pigliarsi lo smartphone da millemila euri avere un telefono con connessione ha molti vantaggi. Se non lo avessi: spenderei 16 volte tanto in chiamate-sms, avrei molti meno contatti di ragazze che pubblicano di tutto, dovrei connettermi solo dai pc. Avrei molti meno contatti di ragazze l’ho detto? 😉

  12. ilnonamato ha detto:

    Ho uno smarphone (lo uso quasi solo per lavoro), senza wathseccettera, senza instagram e le foto non le faccio con quello (ma il filtro sepia lo uso, sul PC). Se devo dire qualcosa di importante lo faccio a voce… Non se, ma quando diventerai ricca, ricordati di quella luna!

  13. leparoledinessuno ha detto:

    Condivido pienamente. La penso come te.
    Siamo circondati da ‘interconnessi’ solo per il gusto di interconnettersi !
    Perché siamo diventati così timidi da non parlarci più guardandosi negli occhi ?
    Forse potremmo scoprire di quanto vuoto sia il nostro interlocutore ?
    Ciao.

    • pilar93 ha detto:

      Oppure di quanto siamo vuoti noi.

      • leparoledinessuno ha detto:

        Mah, non direi, visto che qualche pensiero, magari sconnesso, lo mettiamo giù nei nostri Blog.
        Per diretta vita quotidiana, ho parecchio a che fare con persone dai 25-30 in su, e non si fanno grandi discorsi… Ma neanche piccoli !
        Siamo sul livello dei commenti sulle offerte dell’ultimo volantino di Mediaworld.
        Non mi sembra di peccare di presuntuosaggine ma, il livello medio è REALMENTE basso e trovare un paio di idee o una voce fuori dal coro diventa una rarità.
        Magari a dire sempre le stesse cose, ma almeno parlare fuori dagli schemi.
        Invece si banalizza sempre, si riduce tutto ad un pensiero ben livellato e mediocre.

        Non credo proprio che i vuoti siamo noi.

        Ciao.

        • pilar93 ha detto:

          Hai ragione su tutto, ma il punto è che scrivere è facile, esprimersi al di fuori di un blog un po’ meno.

          • leparoledinessuno ha detto:

            Anche questo è vero. Ma bisogna provarci ed insistere. In effetti provo a parlare con loro, ma qualche volta mi sono sentito un Marziano.
            Probabilmente siamo su lunghezze d’onda diverse.
            … Ma sono convinto che se qualcuno accetta la sfida di chiacchierare, da qualche parte si va… Ne sono certo !

  14. Pingback: alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 23.09.13 | alcuni aneddoti dal mio futuro

  15. Cam ha detto:

    Mi hai ricordato questo video, che rende molto l’idea. Lo smartphone non è un bene di prima necessità, nessuno deve essere costretto ad acquistarne uno, ma per come si stanno trasformando le interazioni sociali sembra quasi indispensabile averne uno.

    • pilar93 ha detto:

      Ecco, sì, questo video è perfetto, se l’avessi visto prima l’avrei sicuramente messo nel post. Il mondo è tutto così, ogni posto in cui vai è così. A momenti non si vive più. Voglio dire, le cose succedono anche se non sei lì ogni secondo a filmarle e fotografarle. E soprattutto succedono anche quando non si sta attenti perché troppo concentrati sullo schermo dello smartphone. E io sono tipo lei, povera.

      • Cam ha detto:

        Uno smartphone ce l’ho da poco, purtroppo perché non l’ho mai considerato un bene di prima necessità. Comodo per quando non hai il pc a portata di mano per fare qualche ricerca al volo, ma in genere non lo uso quasi mai. E mi viene la tristezza quando durante le lezioni vedo tutti con gli smartphone – o, peggio ancora, l’evoluzione tablet – tra le mani per giocare a Fruit Ninja, quando il prof che spiega è bravo ed è interessante seguirlo.

  16. Andrea Magliano ha detto:

    Ehhh io ho un iPhone, ma sai qual è l’utilità più grande che mi ha dato in questi anni? Mmm la possibilità di ascoltare musica senza dovermi portare oltre al cellulare il lettore mp3 con il rischio di perderlo ovunque e la possibilità di leggere gli eBook (che un e-reader a parte non me lo posso permettere :p)! Poi sono un proprietario di iPhone che teme il nuovo aggiornamento e le cui uniche foto che ha sul cell, beh, ci sono perché le fanno gli amici, mica io che odio distogliere lo sguardo per frapporlo a un apparecchio! Ci vuole il giusto, insomma il cell, ma anche i social network che sono imperanti nella vita individuale, sono importanti e persino utili, ma con misura eheh Un saluto Pilar 🙂 Inizio il tour nel tuo blog :p

  17. E che te ne faresti di un aifon?
    Esistono ottimi telefoni a un decimo del prezzo dell’aifon! E fanno la stessa cosa: scatta foto, posta su faccialibro. Usa uossapp. Scarica applicazioni terribilmente inutili.
    E in più hanno (udite udite) la funzione telefono e messaggi.
    Eddai, su!
    Avere un aifon serve solo a far vedere che hai speso un sacco di soldi per un aggeggio che non vale i soldi che costa.
    Con quei soldi ci vai in ferie una settimana, e fai bagagli di ricordi.
    Che i ricordi poi restano, un aifon nuovo oggi sarà vecchio domani.

    Ciao!! 🙂

    R

  18. salequantob ha detto:

    ahahahah fantastico!!

  19. Daniele ha detto:

    Grandeeeee! Instagrammami sto cazzo ahah mi hai fatto morire!
    Totalmente d’accordo 😉

  20. Julian Vlad ha detto:

    L’ha ribloggato su Julian Vlade ha commentato:
    Standing ovation! 🙂
    Reblog pressochè obbligatorio ed automatico, come un pensiero subliminale. Dita che volteggiano per conto proprio sulla tastiera, Invio, click.. fatto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...